Fiepet: «Bene le riaperture, ma non basta»

Corso di Formazione per Barman in Grosseto

«Siamo finalmente in presenza di scelte di Governo che coniugano lotta al virus, ripresa, con l’apertura di cantieri, nuovi sostegni e riaperture programmate. Naturalmente ci aspettavamo di più da queste riaperture». Lo dice il presidente provinciale di Confesercenti, Giovanni Caso, che precisa: «Aver iniziato a programmare la ripartenza è un bene, ma con i criteri adottati gran parte dei pubblici esercizi non potrà riaprire».

La preoccupazione dell’associazione di categoria è per tutti quei ristoranti, e sono tanti, che non hanno a disposizione spazi esterni, o che hanno a disposizione solo spazi ridottissimi. Per questo la richiesta è quella di «sentire le associazioni di categoria e concordare le scelte per l’applicazione dei protocolli come avvenuto in passato. Quelli approvati (e concordati) nella prima fase della pandemia hanno dato i risultati auspicati».

Più dura la posizione del presidente provinciale Fiepet, Massimiliano Mei «Dopo una chiusura così prolungata ci aspettavamo di più. Ci chiedono l’enorme distanza di due metri tra i clienti di tavoli diversi al chiuso (un metro all’aperto), e poi ci dicono che non si può lavorare dentro i locali ma solo all’aria aperta».

Anche per questo Confesercenti, oltre a chiedere al Governo di consentire di lavorare anche a chi non ha spazi aperti su cui contare, chiede ai comuni di attivarsi per concedere maggior suolo pubblico in città e nei centri storici.

«Le associazioni avevano chiesto regole certe anche in caso di aumento dei contagi, mentre siamo ancora legati alle fasce dei colori – prosegue Mei -. Se non saremo più gialli chiuderemo di nuovo. Per di più, nella stessa categoria, si creeranno differenze tra locale e locale, e questo non è accettabile: non ci possono essere locali di serie A e di serie B».

Confesercenti torna poi a ribadire la necessità di ristori adeguati e immediati. «Si continua a ragionare sui sostegni riferendosi al 2020, mentre dobbiamo concentrare gli sforzi anche sul sostegno alle imprese che sono ancora sottoposte a restrizioni nel 2021, come i pubblici esercizi».