Imprese creative: ecco le agevolazioni per il 2022

browsing computer web

E’ uscito il Decreto direttoriale che disciplina termini e modalità di presentazione delle domande di agevolazioni a valere sul Fondo per le piccole e medie imprese creative.

Sarà possibile richiederle, tramite il sito di Invitalia

• per gli interventi a sostegno della nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese creative previsti dal Capo II del decreto 19 novembre 2021: compilazione domande dalle ore 10.00 del 20 giugno 2022, invio dalle ore 10 del 5 luglio 2022

• per gli interventi per la promozione della collaborazione tra imprese creative e soggetti operanti in altri settori previsti dal Capo III del decreto 19 novembre 2021: compilazione domande dalle ore 10.00 del 6 settembre 2022, invio dalle ore 10 del 22 settembre 2022

Il Decreto direttoriale segue il DM  di novembre 2021 pubblicato in Gazzetta ufficiale a febbraio 2022, che istitutiva il Fondo per le piccole e medie imprese creative da 40 milioni di euro. La misura è rivolta alle “attività d’impresa dirette allo sviluppo, alla creazione, alla produzione, alla diffusione e alla conservazione dei beni e servizi che costituiscono espressioni culturali, artistiche o altre espressioni creative e, in particolare, quelle relative all’architettura, agli archivi, alle biblioteche, ai musei, all’artigianato artistico, all’audiovisivo, compresi il cinema, la televisione e i contenuti multimediali, al software, ai videogiochi, al patrimonio culturale materiale e immateriale, al design, ai festival, alla musica, alla letteratura, alle arti dello spettacolo”.

Il fondo era stato preannunciato dal Ministero dello Sviluppo lo scorso novembre:  sarà la base per contributi a fondo perduto,  interventi di sostegno nel capitale sociale e finanziamenti agevolativi da destinare all’acquisto di macchinari innovativi, servizi specialistici, finalizzati anche alla valorizzazione di brevetti. Il Decreto indica i criteri di selezione: per partecipare materialmente alla ripartizione del fondo si attende l’uscita di un apposito provvedimento che indichi anche i tempi e i modi per farlo.